Mobilità, Salute

Assicurazioni nel 2024: cosa deve sapere chi cerca una nuova polizza

assicurazioni nel 2024 novità

Le novità nel mondo delle polizze, per destreggiarsi meglio nel mondo assicurativo

Tutti quanti ci dobbiamo confrontare con il mondo delle polizze assicurative. Chi possiede un veicolo, chi ha chiesto un mutuo per acquistare una casa, chi vuole proteggere i propri cari, chi desidera poter contare sempre sulle migliori cure, chi vuole ridurre i rischi d’impresa: inevitabilmente ci si trova a considerare diverse soluzioni assicurative, cercando sempre di trovare la polizza più adatta. Il che non è certo sempre semplice, sapendo che è necessario individuare l’equilibrio perfetto tra copertura e prezzo (per questo è sempre bene affidarsi a un consulente assicurativo, capace di costruire la soluzione assicurativa su misura, per non spendere un euro in più del necessario e avere allo stesso tempo tutte le protezioni).
Partendo da questi presupposti, anche i non addetti ai lavoro dovrebbero conoscere le principali novità e le più importanti trasformazioni del mondo assicurativo, sapendo che anche questo è in continuo cambiamento. Ho voluto quindi riportare qui sotto quelle che sono le principali novità delle assicurazioni nel 2024, a livello di prezzi, di nuove regole, di rischi e di nuove opportunità. Buona lettura!

Assicurazioni nel 2024: le principali novità

RC auto: aumento prezzi dei prezzi delle assicurazioni nel 2024

Tra le cose da sapere prima di mettersi alla ricerca di nuove assicurazioni nel 2024 per la propria auto c’è sicuramente la questione dell’aumento dei prezzi. Lo aveva anticipato già a gennaio l’IVASS, spiegando che il 2024 vedrà un rialzo delle polizze auto per ben 1,1 milioni di guidatori. Ma per quale motivo c’è questo incremento dei prezzi? Un fattore importante è quello relativo all’aumento della frequenza dei sinistri dichiarati durante l’anno scorso: nel 2023 il dato è infatti salito del 3,34%, con un aumento peraltro che era iniziato già nel 2022. Da qui si sviluppa già di per sé un aumento del premio medio, che arriva così a 388 euro. A inizio marzo IVASS ha reso pubblici i dati relative alle polizze auto di gennaio 2024, con il prezzo medio che è aumentato del 7,5% rispetto al gennaio del 2022. Va detto che gli aumenti non sono stati uguali in tutta Italia: lo stesso Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni spiega infatti che gli aumenti più importanti, pari al 10% circa, sono stati registrati ad Alessandria, Biella, Lecco e Vercelli, seguite da Milano, Roma, Belluno e via dicendo. Insomma, chi ha intenzione di stipulare una nuova polizza auto nel 2024 sa che, in media, i prezzi sono più alti rispetto a quelli degli anni precedenti.

Oblio oncologico

Altra importante novità per quanto riguarda il mondo delle assicurazioni nel 2024 è quella relativa all’oblio oncologico. Con il 2 gennaio è infatti entrata in vigore la nuova legge numero 193 del 7 dicembre 2023 relativa al “diritto all’oblio oncologico”, il quale può essere estremamente importante per le persone che, avendo avuto in passato una patologia di tipo oncologico, desiderano stipulare una polizza (e non solo). Più nello specifico, il diritto all’oblio oncologico riconoscere la facoltà delle persone guarite da una malattia oncologica di non fornire nessuna informazione sulla pregressa condizione: non per una polizza assicurativa, non per un servizio bancario o finanziario, e via dicendo. Possono rientrare nell’oblio oncologico tutte le informazioni relative a delle patologie oncologiche pregresse che hanno visto un trattamento attivo conclusosi da almeno 10 anni – o da almeno 5 anni nel caso di patologia insorta entro i 21 anni d’età – senza episodi di recidiva. Ecco che allora la persona non ha nessun obbligo di dare informazioni su questo tema, così come non è permesso richiedere dei controlli o degli accertamenti sanitari mirati.

Assicurazione auto ferma

A partire dal dicembre 2023 sono cambiate sensibilmente anche le regole riguardanti l’obbligo di assicurazione delle auto ferme e non utilizzate. Come è noto ormai da anni qualsiasi auto sul suolo pubblico – anche se ferma e non in circolazione – ha l’obbligo di RC auto, senza però nessuna regola a obbligare il proprietario ad assicurare un auto parcheggiata in uno spazio privato. Ebbene, tra le novità delle assicurazioni nel 2024 c’è anche un allargamento dell’obbligo di assicurare l’auto, al di là del solo suolo pubblico. Con il Decreto legislativo 184/2023, entrato in vigore a partire dal 23 dicembre 2023, è stato introdotto l’obbligo di assicurare anche le auto ferme in aree private, in particolar modo nel momento in cui queste risultano raggiungibili da altre persone: il rischio su cui si basa questa nuova regola è quello “statico”, che non presuppone un effettivo utilizzo del veicolo. Ecco che allora, per esempio, anche un’auto non utilizzata e parcheggiata in un parcheggio condominiale deve essere assicurata, laddove invece un veicolo non utilizzato e parcheggiato in un box chiuso e non raggiungibile può restare – stando alle interpretazioni più diffuse della norma –senza polizza.

Assicurazioni truffa

Non è una novità delle assicurazioni nel 2024, ma è bene sottolineare che le notizie di truffe relative a polizze e soluzioni assicurative non accennano a diminuire, anzi. Si parla spesso per esempio della creazione di siti web del tutto simili a quelli delle più famose compagnie assicurative, attraverso i quali vengono poi vendute delle polizze inesistenti. Basti pensare che nei soli primi 10 mesi del 2023 l’IVASS ha segnalato ben 178 siti falsi, e quindi siti web fake che attirano i consumatori promuovendo delle polizze con prezzi estremamente convenienti, tanto bassi da essere, per l’appunto, impossibili e fasulli. A rendere credibili questi portali è molto spesso la presenza di grafiche e simboli del tutto simili a quelli dei siti web più autorevoli; è quindi bene non lasciarsi tentare da iniziative di questo tipo, nonché diffidare specialmente dalla richiesta di effettuare velocemente la transazione per l’acquisto della polizza, motivata spesso da “sconti prossimi alla fine” e simili.

Sospensione assicurazione moto

Quanto detto riguardo alla polizza obbligatoria per le auto ferme vale anche per le moto. Tra le novità delle assicurazioni 2024 per le due ruote è bene però ricordare che resta sempre la possibilità di sospendere volontariamente l’assicurazione della moto nel periodo di non utilizzo, e che per l’anno in corso la sospensione può essere di una durata massima di 10 mesi. Questo significa che il rider che non usa la moto tutto l’anno può scegliere di sospendere il pagamento della polizza per 3, 4, 5 o più mesi, fino ad arrivare a un massimo di 10; è possibile prolungare il periodo di sospensione richiesto originariamente, sempre fino a un massimo di 10 mesi per l’appunto, ma non è invece possibile richiedere la sospensione della polizza per più periodi all’interno dell’annualità.

Assicurazioni nel 2024: e i monopattini?

Vale la pena chiudere questo elenco di novità per il mondo delle assicurazioni nel 2024 spiegando che, nonostante quanto anticipato a più riprese l’anno scorso, non è ancora stata resa obbligatoria l’assicurazione dei monopattini elettrici. La mancanza di un obbligo nella normativa attuale è stata sottolineata da una circolare del Viminale dell’8 febbraio, a sottolineare che, tra i “veicoli a motore azionati esclusivamente da una forza meccanica” per i quali l’assicurazione è obbligatoria, non compaiono né i monopattini elettrici né le e-bike. Questo perché, viene sottolineato, la propulsione per questi due veicoli è sì prevalentemente in carico del motore, ma non in modo esclusivo. Insomma, ancora per alcuni mesi, come minimo, sarà possibile condurre dei monopattini elettrici senza un’assicurazione apposita (pur sapendo che è già oggi possibile stipulare un’assicurazione di responsabilità civile per monopattini che risarcisce eventuali danni causati durante la guida del monopattino).

Ecco, queste sono le principali novità delle assicurazioni nel 2024. Seguimi su  su FacebookLinkedIn Instagram per restare sempre al passo con le migliori soluzioni assicurative per te, per la tua famiglia e per la tua impresa!

Articoli correlati