Altro, Salute

Assicurazione viaggio: cos’è e come funziona

Tempo di lettura: 5 minuti

Una polizza per le vacanze

Oggi voglio parlarti dell’assicurazione viaggio, una polizza che fino a poco tempo fa era trascurata dai più, e che oggi invece è diventata piuttosto comune. Quali sono i motivi di questa grande crescita di interesse verso le assicurazioni per i viaggi e per le vacanze? Di certo c’entra il fatto che oggigiorno viaggiamo molto più di quanto si faceva in passato, anche grazie alla grandissima offerta di voli low cost, ai buoni collegamenti ferroviari e marittimi. E ancora, di sicuro su questo cambiamento di mentalità nei confronti delle polizze per viaggi è pesata l’emergenza sanitaria: sia perché tutti hanno capito quanto potrebbe essere fastidioso, costoso e talvolta pericoloso ammalarsi lontano da casa; sia perché è diventato chiaro praticamente a tutti quanti soldi possono finire nel cestino in caso di viaggi annullati all’ultimo momento, per qualsiasi motivo, dalla salute all’improvviso lockdown.

Ecco che allora le polizze per vacanze e viaggi sono diventate più comuni e più richieste, soprattutto nel caso di vacanze in famiglia, di viaggi all’estero o di trasferte lavorative in Paesi considerati per un motivo o per l’altro a rischio (magari per via di strutture sanitarie non al livello di quelle italiane, e via dicendo). Ma attenzione: non esiste un unico tipo di assicurazione viaggio. Anzi, sotto questo nome si raggruppano polizze dei più diversi tipi, composte dalle più differenti coperture.

Oggi vedremo quindi quali forme può prendere un’assicurazione viaggio, così da darti una base di conoscenze di partenza per poter scegliere e comporre la polizza più adatta alla tua prossima avventura!

Perché sottoscrivere un’assicurazione viaggi?

Prima di tutto, voglio cercare di spiegare agli eventuali dubbiosi perché sottoscrivere un’assicurazione per un viaggio è un’ottima idea. Occhio: non voglio certo dire il trentino che organizza un fine settimana estivo sulla riviera veneta debba per forza assicurarsi! Ma quando si parla di vacanze più lunghe o di viaggi più lontani e strutturati, e soprattutto quando si viaggia in famiglia, l’assicurazione viaggi diventa particolarmente preziosa. E non solo per chi viaggia verso Paesi che presentano particolari rischi! Il motivo di base è semplice: durante un viaggio, per quanto ben organizzato e sicuro, le piccole sventure sono tutt’altro che remote.

Pensiamo alle piccole cose, come per esempio al viaggio aereo con smarrimento di bagaglio: ipotizziamo per esempio di volare in qualche paradiso tropicale per una vacanza di 20 giorni e di ritrovarsi senza vestiti, senza costume, senza caricabatterie, senza medicine, senza occhiali da sole. Di certo un’evenienza di questo può come minimo rovinare le prime giornate di vacanza. Figuriamoci se poi nella valigia persa ci sono le cose dei propri bambini! Ma pensiamo anche a un volo che ritarda di diverse ore o che viene persino cancellato, compromettendo una o più giornate di meritata vacanza.

Non bisogna poi dimenticare che in viaggio la nostra salute è tendenzialmente più rischio che a casa. Per i più diversi motivi: per una cucina diversa dalla nostra, per il nervosismo della partenza, per lo scombussolamento di viaggio, per dei batteri o virus ai quali non sia solitamente esposti, e così via.

Ecco, in tutti questi casi – con le giuste coperture – una buona assicurazione viaggio può venire in nostro soccorso, sia migliorando la situazione sul momento, per non rovinarci l’esperienza, sia coprendo le spese straordinarie. Ma quali sono le coperture che possono essere inserite in una polizza per viaggi? Vediamo le principali!

Polizze viaggi: le diverse coperture possibili

Lo abbiamo già anticipato: in un viaggio sfortunato possono andare storte una o più cose, a livello di spostamenti, di salute, di bagagli, di emergenze sanitarie, e tanto altro. In base al tipo di viaggio, al periodo, alla destinazione e alle proprie esigenze personali è bene quindi scegliere una o più coperture con cui comporre la propria assicurazione viaggio su misura: per questo motivo prima di stipulare un’assicurazione di questo tipo, magari nel caso di un lungo viaggio all’estero, è prezioso il supporto di un consulente assicurativo, così da avere la certezza di avere tutte le coperture necessarie senza spendere un euro in più del necessario.

L’assicurazione viaggio per l’annullamento delle vacanze

Ecco una delle coperture più importanti da inserire all’interno di un’assicurazione viaggio. Una partenza può essere annullata per i più diversi motivi: per una malattia improvvisa, per un infortunio debilitante, per lo scoppio di un’emergenza sanitaria nel proprio Paese o in quello di destinazione, per dei problemi in famiglia, per delle emergenze lavorative, per dei disordini o persino per dei conflitti. Ecco, la copertura per l’annullamento di un viaggio va a coprire diverse cause di cancellazione di un viaggio, e che di conseguenza va a garantire all’assicurato un rimborso delle spese connesse all’annullamento stesso: si parla quindi tipicamente delle penali da pagare a livello di trasporti (tipicamente quindi le penali della compagnia aerea) e di alloggio.

La copertura per i bagagli smarriti

Nel solo 2022 sono stati smarriti oltre 26 milioni di bagagli. . A registrare e pubblicare questo dato è stata la Sita (Società internazionale telecomunicazioni aeronautiche). Insomma, i bagagli smarriti tra i vari aeroporti sono tutt’altro che improbabili. E certo, per mettersi al sicuro da questo rischio si potrebbe optare per non mettere in stiva nessun bagaglio, portando quindi le proprie valige con sé in cabina e mettendole dove disposto dalla compagnia aerea, e quindi sotto il sedile anteriore o in cappelliera. Ma come è noto questo è possibile solo per bagagli piccoli, e in numero limitato: chi si muove per più giorni, e magari in famiglia, è di fatto costretto ad affidare ad altri il proprio bagaglio per riporlo in stiva, sapendo che c’è sempre una piccola ma ineliminabile possibilità di non vederlo più, o di vederselo recapitare a destinazione uno, due, tre o più giorni dopo il proprio arrivo. Ebbene, la copertura per i bagagli smarriti in un’assicurazione viaggio va a coprire le valige, disponendo diverse centinaia di euro per ogni bagaglio non riconsegnato.

Occhio: parlando di bagagli e di polizze non è da trascurare la possibilità di avere una copertura anche per l’integrità del bagaglio stesso, sapendo che non è per nulla bello ritrovarsi con trolley senza ruote, ammaccati o con la chiusura rotta!

L’assicurazione di viaggio per infortunio e malattia

All’interno dell’assicurazione viaggio ci possono poi essere tutte le polizze volte a coprire eventuali problemi di salute. E qui le coperture possono essere le più diverse. Si pensa per esempio all’assistenza viaggio, per avere la certezza di poter accedere a delle cure per malattie o per infortuni 24 ore su 24, nonché alla copertura per il rimborso – o il pagamento diretto – di tutte le spese mediche che si potrebbero dover affrontare in viaggio, da quelle per un ricovero a quelle farmaceutiche.

Va detto che questa sezione dell’assicurazione viaggio per malattie e infortuni va studiata per bene, per sapere – anche in base alla destinazione – se la polizza copre o meno gli interventi chirurgici, per capire quali sono le diverse franchigie, quali sono i massimali e quali sono le esclusioni in base all’età e ad eventuali malattie croniche.

Una polizza viaggio completa di rientro anticipato

Ci sono diversi motivi per i quali un viaggio potrebbe essere interrotto prima del tempo. Si parla di rientro anticipato causati da problemi di salute o problemi in famiglia, di trasporto sanitari urgenti, e via dicendo. La copertura dell’assicurazione viaggio in questo caso va a coprire i costi per il rientro, nonché a coprire le eventuali penali per i servizi non usufruiti ma pagati.

Assicurazione viaggio: annuale o singola?

La tipica assicurazione viaggio è singola, ovvero viene stipulata in vista di un particolare viaggio di lavoro o di piacere. Ma non è questa l’unica opzione, anzi. Ci sono infatti delle polizze multiviaggio oppure annuali, che vanno a proteggere l’assicurato in caso di problemi in viaggi diversi. Questa è una soluzione particolarmente interessante per chi viaggia spesso, per motivi lavorativi e non, senza avere la necessità di stipulare ogni volta una polizza differente. Per decidere quale tipologia di assicurazione viaggio conviene è bene qui fare dei conti, per capire quanto costerebbero delle assicurazioni singole per ogni viaggio che si intende fare per i successivi 12 mesi.

Conclusioni

Quelle che abbiamo visto, va sottolineato, sono solamente alcune delle principali coperture che possono comporre un’assicurazione viaggio. Ce ne sono anche altre e più specifiche, come quelle che vanno a coprire il trasferimento sicuro dell’assicurato e della sua famiglia in caso di furto o incidente, oppure le coperture che vanno a rimborsare l’assicurato a fronte di un ritardo dell’arrivo alla destinazione del viaggio.
Come si è visto, quindi, una polizza viaggio può prendere diverse forme: contattami, e ti aiuterò a creare la polizza più adatta in base alle tue esigenze e alle destinazioni dei tuoi viaggi! E, come sempre, ricordati di seguirmi sui social, mi trovi su Facebook,  su Instagram oppure su LinkedIn.

Articoli correlati